PROGETTO

 

Il progetto annuale FOSCAMUN è nato nel 2014 grazie alla collaborazione tra il Colegio Carol Baur Internacional di Quéretaro e di Città del Messico e il Liceo Marco Foscarini di Venezia ed è motivo di orgoglio per il nostro liceo, perché offre agli studenti la possibilità di informarsi sui problemi del mondo in cui vivono immaginando possibili soluzioni, sviluppa la capacità di dibattere e negoziare in un contesto multiculturale e multilingue e li avvicina ai valori dell’ONU come tolleranza, cooperazione, pace.

Un Modello delle Nazioni Unite (MUN, in inglese) è la simulazione di una conferenza dell’ONU, organizzata e gestita da studenti del triennio del Liceo Foscarini, cui partecipano anche studenti di licei di tutto il mondo.

Gli studenti, o delegati, ciascuno portavoce di uno stato, si riuniscono in varie commissioni che rappresentano organi costitutivi o sussidiari delle Nazioni Unite, Agenzie specializzate, Fondi o Programmi. Nelle commissioni, i delegati seguendo un rigido protocollo, dibattono cercando di rispettare le reali posizioni che il paese effettivamente assume nell’attuale contesto internazionale.

L’edizione 2017 per la prima volta sarà bilingue: entra il francese come lingua di lavoro della commissione UNESCO e si aggiunge alla lingua inglese dei lavori delle altre commissioni.

Alcuni dati

Saranno coinvolti complessivamente 300 ragazzi e ragazze: 125 delegati, 24 tra presidenti, vicepresidenti e moderatori delle commissioni, 150 membri dell’organizzazione dell’evento.

Scuole invitate:
American Community School, Beirut, Libano
Colegio Alminar, Siviglia, Spagna
Colegio Carol Baur, Città del Messico, Messico
Collegiate School, Richmond, Stati Uniti
Liceo Benedetti-Tommaseo, Venezia, Italia
Lycée Charles De Gaulle, Caen, Francia
Wasagasse Gymnasium, Vienna, Austria

Paesi rappresentati nella simulazione:
Afganistan, Arabia Saudita, Australia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Colombia, Danimarca, Egitto, Etiopia, Filippine, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Islanda, India, Iraq, Israele, Italia, Kenia, Libia, Marocco, Messico, Niger, Norvegia, Paesi Bassi, Pakistan, Palestina, Panama, Peru, Repubblica Democratica del Congo, Russia, Sierra Leone, Siria, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica, Sudan, Turchia, Venezuela, Vietnam, Yemen.

 

Siamo convinti che partecipare a questo tipo di eventi dia l’opportunità agli studenti di ampliare i propri orizzonti e migliorare le proprie competenze. Discutere questioni internazionali, analizzarne le problematiche e le possibili soluzioni sono attività che favoriscono la consapevolezza critica dei giovani e ne stimolano la collaborazione.